Abbiamo già visto come il Regno Unito abbia abbattuto ogni record riguardante l’eolico durante il 2015. Un simile successo è dovuto, principalmente, agli impianti eolici attivi in Scozia. Diamo dunque uno sguardo più approfondito all’operato di Edimburgo. Le statistiche redatte da WWF, nell’ambito dell’indagine WeatherEnergy, dicono che le pale scozzesi hanno chiuso l’anno con prestazioni da Guinness dei primati: solo nel mese di dicembre, grazie all’eolico lo Stato ha superato del 48% il fabbisogno elettrico dei suoi abitanti. La stessa associazione ‘del panda’ spiega, con una nota a margine che  “in media, durante il 2015, l’energia eolica ha generato un quantitativo sufficiente a soddisfare il fabbisogno elettrico del 97% delle famiglie scozzesi, con sei mesi in cui l’importo è stato superiore al 100%”.

Ed a conti fatti, considerando anche le richieste provenienti da imprese ed industrie locali, si può notare come in effetti l’eolico in Scozia abbia ricoperto, da solo, il 41% del fabbisogno elettrico totale nazionale. Nello specifico, le turbine hanno fornito oltre 10.392 GWh di energia elettrica alla rete nazionale, abbastanza per soddisfare le esigenze di  2,34 milioni di case (dato in crescita del 16 per cento rispetto all’anno precedente). Si tratta di un enorme successo, soprattutto dal punto di vista della tutela ambientale. Il direttore di WWF Scotland, Lang Banche, ha infatti dichiarato “il 2015 è stato un grande anno per le energie rinnovabili, con turbine eoliche e pannelli solari che  hanno contribuito ad assicurare che milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica dannose per il clima siano state evitate all’atmosfera”. E continua “E con un 2016 abbastanza critico dal  punto di vista politico, ci piacerebbe vedere  tutti i partiti impegnarsi in politiche che consentano alla Scozia di diventare prima nazione dell’UE che basa la sua energia elettrica completamente sulle fonti rinnovabili entro il 2030”. Un simile obiettivo dovrebbe essere alla portata di un paese che inaugurerà, nel 2017, l’eolico off-shore galleggiante più grande del mondo, che vedrà cinque turbine da 6MW di potenza totali per una capacità produttiva di 135 GWh di energia elettrica l’anno – un quantitativo sufficiente per alimentare 19.900 case del Regno Unito.

Casi come questi devono assolutamente fungere da spinta per gli altri governi mondiali, al fine portare avanti lo sviluppo e la distribuzione dell’energia eolica. Ricordati che con RES potrai partecipare anche tu, scegliendo la soluzione che più si adatterà alle tue esigenze.

Annunci